<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=262223901631886&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Contabilità dei lavori pubblici: ruolo del direttore

Come definito al comma 3 dall’art. 101 del D.Lgs n. 50 del 2016 e s.m.i, il Codice dei Contratti Pubblici, la contabilità dei lavori pubblici rientra nelle attività di controllo tecnico, contabile ed amministrativo svolte dal Direttore dei Lavori; esse sono finalizzate a garantire che i lavori siano eseguiti a regola d’arte ed in conformità al progetto e al contratto.

La Contabilità dei lavori pubblici, oltre che dal Codice dei Contratti Pubblici, è disciplinata dalle Linee guida attuative elaborate da ANAC nel 2016 in relazione alle modalità e la tipologia di atti attraverso i quali il Direttore dei Lavori effettua le attività di controllo. Le Linee guida sono state poi approvate dal Decreto Ministeriale n. 49 del 2018 relativo alle modalità di svolgimento delle funzioni del Direttore dei Lavori e del Direttore dell’Esecuzione; in tema di contabilità dei lavori, tale decreto sostituisce il previgente Regolamento n.207/2010.


Da tale corpus normativo è evidente come il Direttore dei Lavori svolga un ruolo fondamentale nel procedimento di controllo della spesa legata all’esecuzione dell’opera; è suo compito, infatti, la compilazione precisa e tempestiva dei documenti contabili, atti pubblici a tutti gli effetti di legge. Classificando e misurando le lavorazioni eseguite, nonché trasferendone poi i rilievi sul registro di contabilità per le conseguenti operazioni di calcolo, il Direttore dei Lavori realizza l’accertamento e la registrazione dei fatti producenti spesa contemporaneamente al loro accadere, secondo il principio di costante progressione della contabilità. In tal modo, il Direttore dei Lavori può prontamente:

  • rilasciare gli stati d’avanzamento dei lavori ed i certificati per il pagamento degli acconti;
  • controllare lo sviluppo dei lavori e impartire le debite disposizioni per la relativa esecuzione entro i limiti delle somme autorizzate;
  • promuovere gli opportuni provvedimenti in caso di deficienza di fondi.

Ing. Silvia Mastrolembo Ventura, PhD.