<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=262223901631886&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Giustificazione prezzi appalto: parte economica

In ambito pubblico capita spesso che le procedure di gara richiedano alle imprese la necessità di verificare l’anomalia; una delle situazioni in cui questo può verificarsi è quando l’impresa vincitrice risulta la migliore sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista economico portando all’assegnazione di un punteggio superiore alla soglia di anomalia. In queste situazioni viene chiesto all’impresa di giustificare la parte tecnica ma soprattutto la parte economica; giustificare la parte economica in estrema sintesi vuol dire giustificare la percentuale di sconto offerto.

La giustificazione deve essere analitica e di conseguenza l’impresa deve produrre i giustificativi che dimostrino la correttezza dell’offerta; teniamo presente che a base di gara vi è l’elenco prezzi unitari per cui uno sconto rispetto all’elenco prezzi unitari non può essere frutto di una scelta arbitraria decisa senza valutazioni economiche ma richiede un’analisi attenta. 

L’iter virtuoso prevede da parte dell’impresa l’analisi dei prezzi a base di gara, il reperimento di offerte da parte dei propri fornitori che permettano di identificare delle percentuali di sconti sui materiali, noleggi, eccetera, così da poter poi giungere ad una percentuale di sconto per ogni voce dell’elenco prezzi e quindi uno sconto globale. In fase di giustificazione del prezzo, l’impresa deve essere in grado di dimostrare mediante la produzione dei preventivi richiesti ai fornitori la correttezza della riduzione di costo dei materiali e dei noleggi; risulta chiaro che queste offerte devono essere siglate dai fornitori e correttamente datate, non possono costituire valori costruiti a priori.

Nel caso in cui il reperimento di questi dati non permetta di giustificare lo sconto prodotto, l’impresa ha ancora la possibilità di agire sulle spese generali e sull’utile, infatti non è raro trovare imprese che dichiarino spese generali più basse ed utili ben inferiori al 10% giustificando questo con la necessità di mantenere un flusso di cassa ed una liquidità piuttosto che guadagnare.

È evidente che queste giustificazioni se pur valide evidenziano eventuali problemi strutturali dell’impresa che dovrebbero essere chiarite onde evitare problemi durante l’esecuzione della commessa.